Hai appena finito il pranzo di Natale e mentre il tuo diaframma sta per cedere sotto il peso dell’ultima fetta di pandoro giuri a te stesso: “Stasera non tocco neppure una nocciolina“.

Passano circa tre ore.

Vabbè, al massimo proprio un Kinder perché è festa…” –

Sono la nove e mezza di sera… e tu? SEI A TAVOLA A METTERE LA NUTELLA SUL PANDORO???!

MA perché? PERCHÉ?!

Il discorso si può riassumere ai minimi termini accusando lei: la LEPTINA.

A dire il vero la colpa è più tua perché hai permesso, lentamente, che il tuo corpo sviluppasse la cosiddetta resistenza della Leptina. Mi spiego meglio.

La ragione per la quale i nutrizionisti ci invitano a consumare circa cinque pasti leggeri al giorno sta nel bisogno di garantire una costante comunicazione fra diversi elementi del nostro corpo.

Quando il tessuto adiposo inizia ad aumentare genera la produzione di LEPTINA, un ormone i cui recettori sono localizzati nell’ipotalamo. Con l’accumulo di grasso, le cellule adipose bianche aumentano la sintetizzazione di leptina così da segnalare all’ipotalamo che bisogna diminuire l’introduzione di cibo nell’organismo!

Seguire un’alimentazione corretta e leggera più volte al giorno (i famosi cinque pasti) favorisce il controllo della comunicazione ed il controllo della massa adiposa.

Al contrario quando a tavola ci sfondiamo come zampogne più e più volte, si genera il fenomeno della resistenza della leptina, ossia il nostro ipotalamo non riceve informazioni corrette ed invia a fatica il segnale:

“FERMATI! FERMATI! PIETÀ… PIETÀ!”.

In pratica, alleniamo il nostro corpo ad ignorare il segnale di stop. Lentamente, senza quasi accorgercene.

A questo punto, spero di non averti fornito nuovi alibi sul genere del meraviglioso: “No no… non mangio molto… è costituzione!“.

Ricorda: sei tu ad avere il controllo! Anche della Leptina.

Riccardo. Il TUO Revolution Trainer.

Se lo hai trovato interessante...Condividilo!!Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someoneShare on LinkedIn
2017-01-07T12:07:48+00:00